Violenza sessuale, un crimine quasi ordinario


Oggi è la giornata mondiale contro la violenza sulle donne. La data è stata scelta nel 1999 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite in ricordo dell’assassinio delle tre sorelle Mirabal, il 25 novembre 1960. Patria, Minerva e Maria Teresa vengono ricordate per il loro forte impegno contro il regime di Rafael Leonidas Trujillo, il dittatore dominicano.

Ho sempre avuto delle riserve sulle “giornate mondiali”, boom mediatico di 24 ore e poi le luci si spengono di nuovo. Forse però meglio qualche lumicino ogni tanto, che il buio totale. Audrey Guiller e Nolwen Weiler, due giornalisti francesi, hanno analizzato con argomentazioni decisamente meno superficiali il trattamento mediatico della violenza sessuale sulle donne.

Il portale LSDI, Libertà di Stampa Diritto all’Informazione, ha proposto la traduzione di una parte del loro libro, Violenza sessuale un crimine quasi ordinario

Il trattamento mediatico del fenomeno incide fortemente sul modo con cui esso viene percepito: confinati nelle pagine di cronaca gli episodi di violenza sessuale vengono presentati come una somma di storie individuali, come degli episodi tristi che accadono agli altri –  Così lo stupratore seriale è  largamente più presente del nonno che aggredisce i suoi nipotini. L’ eccezionale ha maggior peso – Quando una giovane donna viene violentata in un bosco mentre stava facendo del footing, tutti ne parlano. Un incesto non interessa quasi nessuno. I drammi che si consumano a bassa voce, frequenti ma poco visibili, non interessano i media. Perché quello che viene nascosto, dalla sfera familiare per esempio, è un argomento di inchiesta molto difficile. I giornalisti non hanno tempo e si precipitano su ciò che corre veloce – L’ analisi di Audrey Guiller eNolwenn Weiler, due giornalisti francesi autori di ‘’Violenza sessuale, un crimine quasi ordinario’’, uscito un mese fa e di cui pubblichiamo la traduzione di un’ ampia parte, quella relativa ai media

Continua a leggere sul sito di LSDI

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in SOTTO IL TAPPETO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...